lunedì 28 luglio 2014

BILANCIO JUVE: STIME E PROSPETTIVE DI MERCATO - Aggiornamento del 28 luglio 2014




Arrivati quasi a metà della sessione estiva del calciomercato, e dopo il terremoto creato dall’uscita di scena di Antonio Conte e dalla sua sostituzione con Massimiliano Allegri, è arrivato il momento di aggiornare un po’ le mie valutazioni e previsioni sul mercato della Juventus.

Chi segue da tempo il blog sa che questa è la terza volta che mi occupo della questione. Per i nuovi arrivati, rimando ai due articoli precedenti per capire meglio ciò di cui parlerò in questo articolo.

Primo articolo (14 maggio): http://mds78.blogspot.it/2014/05/bilancio-juventus-stime-e-prospettive.html


Per il momento le mosse della dirigenza bianconera non si discostano molto da quanto avevo previsto. Da una parte mi fa piacere perché vuol dire che le mie considerazioni non erano poi così campate in aria, dall’altra mi dispiace perché da tifoso avrei preferito sbagliarmi totalmente e vedere due o tre campioni di alto livello arrivare a Torino grazie a grandi disponibilità economiche a me sconosciute…

Non potendo riprendere punto per punto le considerazioni fatte negli articoli precedenti, mi limito a ricordare quelle fondamentali:

- Analizzando le stime sul bilancio Juve 2013/14 e 2014/15 ero arrivato alla conclusione che, in data 14 maggio 2014, la Juve era in una situazione tale per cui sarebbe stata costretta a recuperare dal mercato almeno 40 milioni per coprire un “buco” nel bilancio e non rischiare sanzioni future in ottica Fair Play Finanziario. Si era anche più volte precisato che i 40 milioni non si intendono come “differenza fra costi dei cartellini dei giocatori ceduti rispetto ai giocatori acquistati” ma come impatto degli acquisti sul bilancio annuale in termini di stipendi, ammortamenti e plusvalenze.

- Le ipotesi che sostengono questa tesi partono dall’analisi voce per voce del conto economico della Juventus di quest’anno e degli anni precedenti.

- Il valore “40 milioni” teneva conto già di alcuni movimenti di mercato (per esempio giocatori in ritorno da prestiti, riscatti di comproprietà obbligati e rinnovi di contratto) quindi non è immediatamente confrontabile con la tabella di mercato della Juventus che aggiorno settimanalmente nel tabellone del calciomercato di Serie A. In questo articolo lo renderemo confrontabile.

- Il calcolo (come spiegato meglio nel primo articolo, per chi volesse approfondire) si basa inoltre sull’ipotesi che la Juventus vinca tutte le partite del girone di Champions League, qualificandosi di conseguenza al turno successivo, mentre Roma e Napoli vengano eliminate ai gironi. Il perché di questa ipotesi è presto detto: è lo scenario migliore a livello economico che possa capitare ai bianconeri da qui al mercato di gennaio, ultima occasione per utilizzare il mercato per rimettere a posto i conti del club.

- Se il Napoli dovesse uscire sconfitto dai preliminari di Champions la Juventus scoprirebbe il 26 o il 27 agosto di avere ulteriori 7 milioni extra di introiti sicuri e altri 2 milioni extra rispetto al miglior caso possibile precedent ovvero qualificazione agli ottavi e contemporanea eliminazione della Roma. I pochi giorni che separano il ritorno dei preliminari dalla fine del mercato, oltre al fatto che i partenopei si giocheranno la qualificazione da teste di serie e favoriti, mi hanno fatto ritenere di non considerare al momento questa ipotesi.

- Il problema principale del bilancio Juve in ottica 2014/15 è mantenere positivo il Patrimonio Netto. Per questo è necessario recuperare quei 40 milioni a cui facevo cenno in precedenza.

- Tutti i dati qui presenti sono arrotondati al primo decimale. Ovviamente trattandosi di stime vanno prese con un margine d’errore, quindi gli obiettivi economici della squadra bianconera di cui parlerò da qui in poi devono essere intesi come valori a cui tendere e non necessariamente come numeri da centrare perfettamente.



Fatto questo rapido ripasso, riprendiamo in mano la questione andando a vedere com’è la situazione dopo quasi un mese di mercato e in relazione alla tabella acquisti/spese.

La tabella del mercato Juventus al momento è la seguente:





































Prima di tutto rendiamo questa tabella confrontabile con l’obiettivo “40 milioni”: al netto dei movimenti di mercato considerati come virtualmente già conclusi nell’articolo del 14 maggio e delle variazioni rispetto a quelle ipotesi in tutte le altre voci di bilancio, al termine di questa sessione l’obiettivo della Juventus dovrebbe essere quello di arrivare a un attivo di mercato di 32,2 milioni. Sono stati recuperati sul mercato nelle prime quattro settimane 7,2 milioni di euro (nonostante un passivo di 11,7 milioni nei costi dei cartellini e di 50 milioni nei costi totali, a ulteriore dimostrazione che ragionare sui soli costi dei cartellini per analizzare le esigenze di bilancio delle squadre è molto fuorviante). C’è quindi ancora un buco di 25 milioni da coprire.

Disastro quindi? Non proprio, anzi. Analizzando le operazioni in uscita bisogna dire che la Juventus quest’anno si sta muovendo sulle cessioni meglio che nei tre precedenti anni di gestione Marotta. Soddisfacenti le cifre incassate con gli addii di Vucinic, Quagliarella e Peluso e importanti i soldi introitati dalle operazioni Immobile e Zaza senza andare a toccare la rosa della squadra. Perciò per ora il team si è mosso bene da questo punto di vista.

Per capire come recuperare i restanti 25 milioni dobbiamo prima ricapitolare la rosa della squadra, a oggi composta da 36 giocatori (in corsivo quelli che io considero esuberi dopo aver valutato una rosa di 25 giocatori, fra i quali una X che rappresenta la “quinta punta” preannunciata venerdì da Marotta; considero questa rosa adatta ad avere un equilibrio numerico fra titolari e riserve con tre moduli di gioco: 3-5-2, 4-3-1-2, 4-3-3):

Portieri: Buffon, Storari, Rubinho

Difensori: Lichtsteiner, Caceres, Barzagli, Chiellini, Bonucci, Ogbonna, Evra, De Ceglie, Sorensen, Motta, Ziegler

Centrocampisti: Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah, Marchisio, Pereyra, Pepe, Marrone, F.Rossi, Buchel, Isla, Padoin, Castiglia, Bouy

Attaccanti: Tevez, Llorente, Morata, Giovinco, X, Coman, Pasquato, Troisi, Martinez

Dai dodici esuberi così considerati, secondo le mie stime, è possibile recuperare circa 17,8 milioni. Per permettervi di variare a piacimento questa ipotesi in virtù di vostre eventuali stime diverse, ecco nel dettaglio come sono arrivato a questo numero (lo stipendio risparmiato per ogni giocatore è calcolato su undici mesi e non su dodici perché il mese di luglio viene ormai pagato dalla Juventus):

Isla (costo: 7, plusvalenza: -3,1, ammortamento annuale risparmiato: 3,4, stipendio lordo risparmiato: 2,4): 2,7 milioni (si è vociferato di un’offerta del Newcastle di 10 milioni, che farebbe salire il valore risparmiato a 5,7, ma pare sia stata smentita; il valore di Isla potrebbe essere alzato anche in caso di scambio alla pari o quasi con altro giocatore, per esempio con Savic della Fiorentina)

Ziegler (costo: 0, plusvalenza: 0, ammortamento annuale risparmiato: 0, stipendio lordo risparmiato: 2,6): 2,6 milioni (è all’ultimo anno di contratto, squadre turche hanno mostrato interesse ma difficilmente si accolleranno l’intero stipendio del giocatore senza avere gratis il cartellino)

Buchel (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,4): 0,4 milioni (ci sono molte squadre interessate, non sarà un problema trovargli una sistemazione)

Castiglia (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,3): 0,3 milioni (seguito dal Livorno)

F. Rossi (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,4): 0,4 milioni (molte squadre interessate in Italia e all’estero)

Motta (costo: 3, plusvalenza: 2,1, ammortamento annuale risparmiato: 0,9, stipendio lordo risparmiato: 1): 4 milioni (interessate Genoa e QPR)

Troisi (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,6): 0,6 milioni (seguito da alcune squadre del campionato australiano)

Padoin (costo: 2, plusvalenza: 0, ammortamento annuale risparmiato: 1, stipendio lordo risparmiato: 1,2): 2,2 milioni (al momento non risultano offerte, solo un timio interessamento del Verona)

Pasquato (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,6): 0,6 milioni (si era parlato di un interessamento della Salernitana a inizio mercato, ma da qualche settimana tutto tace)

Sorensen (costo: 3,5, plusvalenza: 2,6, ammortamento annuale risparmiato: 0,5, stipendio lordo risparmiato: 0,4): 3,5 milioni (era stato venduto all’Udinese nell’affare Pereyra ma ha rifiutato il trasferimento preferendo eventualmente l’Atalanta o il Sassuolo che dovrebbero offrire più o meno la stessa cifra proposta dall’Udinese, così come il Verona se dovesse essere inserito nella trattativa Romulo)

Bouy (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,5): 0,5 milioni (è dato per fatto il suo passaggio al Panathinaikos, ma per il momento è ancora a Vinovo)

Martinez (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0): 0 milioni (chiamate “Chi l’ha visto?”, alcuni siti lo danno per svincolato, in realtà fonti ufficiali della Juve parlano di contratto in scadenza il 30 giugno 2015; ha giocato mezz’ora del playout di B fra Novara e Varese poi di lui si sono perse le tracce, se qualcuno sa che fine ha fatto me lo faccia sapere… in ogni caso o accetta la rescissione del contratto o ritengo impossibile venderlo o darlo in prestito se non pagandogli interamente lo stipendio).

Supponendo di riuscire a introitare tutti questi soldi da qui alla chiusura del mercato, rimangono ancora 7,2 milioni da recuperare più quelli necessari per l’acquisto della quinta punta (che credo sarà in ogni caso un’operazione il più possibile low cost). In conformità con quanto scritto già il 14 maggio, le strade possibili da percorrere sono sempre due: tenere Vidal e Pogba vendendo qualcun altro per mettere a posto i conti facendo qualche altro minimo ritocco per mantenere la squadra più o meno sullo stesso livello di quella dello scorso anno, come si è fatto fino a ora, oppure vendere uno dei due “gioielli di famiglia” (a oggi molto più probabilmente Vidal) e avere quindi più soldi da investire sul mercato per acquistare almeno tre giocatori di rilievo.

Quello che è cambiato dal 14 maggio a oggi è che i principali obiettivi da raggiungere in caso di cessione di Vidal sono sfumati uno dopo l’altro a causa dell’impennarsi dei loro prezzi. Prendiamo ad esempio Sanchez: due mesi fa era valutato 25 milioni, qualche settimana fa l’Arsenal lo ha acquistato per 42,5 milioni e niente ci vieta di pensare che se la Juventus avesse avuto la forza economica di offrirne 45 i Gunners avrebbero rilanciato a 50, alzando il prezzo sempre di più fino a quando a cedere sarebbe comunque stata per forza di cose la squadra di Agnelli. Stesso discorso per Di Maria e Cuadrado, non ancora venduti ma al centro di aste internazionali.

Nei due articoli precedenti (e nei successivi commenti) scrissi che io avrei venduto Vidal solo in cambio dell’arrivo di un vero e proprio Top Player, anche perché era chiaro che Conte volesse nomi importanti per continuare con entusiasmo anche quest’anno. Uscito di scena l’allenatore, l’arrivo di Allegri cambia un po’ le carte in tavola. Si è passati da una squadra che al quarto anno era chiamata a fare meglio che nei precedenti tre in Europa e a confermarsi in Italia, a una avvolta nello scetticismo generale e che non dico riparta da zero con Allegri in panchina, ma quasi… Proprio per questo potrei capire se la Juve adottasse la strategia di vendere Vidal, usare i 50 milioni in più a bilancio per rinforzare la squadra con un uomo per reparto di livello medio alto (ma non top player) e tenesse inoltre da parte un tesoretto per non rischiare di sforare il Fair Play Finanziario se il cammino Champions non fosse così roseo come richiederebbero le previsioni su cui si basa questo articolo. Per quanto mi riguarda, fra tutti i nomi accostati alla Juve o comunque che potrebbero essere sul mercato, l’unico raggiungibile e che permetterebbe un vero salto di qualità alla formazione titolare è Hummels, viste le grandi perplessità che ho sulla capacità dei centrali di adattarsi alla difesa a quattro. La scorsa settimana si è parlato di una sua possibile cessione al Manchester United per 20 milioni. Cifra bassa, tanto che Klopp ha dichiarato che se fosse vero si mangerebbe un manico di scopa facendo intendere che per portare via il neocampione del mondo da Dortmund serva molto più denaro… staremo a vedere. Rimanendo nel campo delle pure ipotesi, cedendo Vidal allo United si potrebbe tentare di chiedere alla squadra di Manchester di ritirarsi dalla corsa a Hummels e magari portarlo a casa per una trentina di milioni. Probabilmente rimarrà soltanto un sogno, ma dovendo sognare un grande colpo forse è l’unico che non pare totalmente irrealizzabile.

Dato per scontato che la cessione di Vidal o Pogba, oltre a rimettere a posto i conti, lascerebbe spazio a un buon numero di nuovi acquisti sui quali ognuno si può sbizzarrire in previsioni, mi concentrerei invece sull’altra ipotesi che è anche la domanda che molti juventini si fanno: è possibile tenerli entrambi o la situazione economica è tale per cui siamo obbligati a darne via uno?

In linea puramente teorica, se i miei calcoli sono esatti, il margine per tenerli c’è ancora. Senza contare troppo su un eventuale eliminazione del Napoli nei preliminari che, insieme alla cessione degli esuberi, risolverebbe la questione economica, vediamo quali sono i giocatori della rosa dei venticinque che potrebbero finire sul mercato per recuperare i soldi mancanti, tenendo sempre conto che questi giocatori andrebbero poi sostituiti da un pari ruolo:

Vidal (costo: 50, plusvalenza: 45,3, ammortamento annuale risparmiato: 1,9, stipendio lordo risparmiato: 6,8): 54 milioni 

Pogba (costo: 70, plusvalenza: 69,2, ammortamento annuale risparmiato: 0,4, stipendio lordo risparmiato: 1,7): 71,3 milioni 

Lichtsteiner (costo: 15, plusvalenza: 12,5, ammortamento annuale risparmiato: 2,5, stipendio lordo risparmiato: 3,4): 18,4 milioni 

Bonucci (costo: 15, plusvalenza: 9,2, ammortamento annuale risparmiato: 2, stipendio lordo risparmiato: 3,1): 14,3 milioni 

Giovinco (costo: 10, plusvalenza: 6,5, ammortamento annuale risparmiato: 3,5, stipendio lordo risparmiato: 2,4): 12,4 milioni

Ogbonna (costo: 10, plusvalenza: 0,1, ammortamento annuale risparmiato: 2,5, stipendio lordo risparmiato: 3,1): 5,7 milioni 

De Ceglie (prestito, stipendio lordo risparmiato: 2,2): 2,2 milioni 

Marrone (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,8): 0,8 milioni 

Pepe (prestito, stipendio lordo risparmiato: 0,8): 0,8 milioni (visti i problemi fisici degli ultimi due anni ho ipotizzato che anche in caso di prestito la Juve sia chiamata a pagare parte del suo stipendio)

Fra questi è evidente che la maggior parte dei tifosi preferirebbe in primo luogo cedere De Ceglie, Marrone e Pepe. Ma tutti e tre, chi per motivi fisici e chi per motivi economici, difficilmente possono trovare una sistemazione diversa dal prestito in questa sessione di mercato. La loro cessione porterebbe a un risparmio così basso che solo cercare un sostituto azzererebbe il guadagno virtuale. Anche la vendita di Ogbonna dopo un solo anno non sembra economicamente conveniente, vista la cifra pagata per averlo, a meno di offerte superiori ai 10 milioni.

Rimangono quindi tre candidati alla cessione che potrebbero rappresentare la soluzione del problema: Lichtsteiner, Bonucci e Giovinco. Il primo e il terzo hanno anche il contratto in scadenza nel 2015 e non hanno ancora trovato l’accordo per il rinnovo, quindi sono i maggiori indiziati all’addio (a questo proposito attenzione ai rinnovi, che potrebbero portare a un peggioramento dei conti se il conseguente prevedibile aumento del monte stipendi sarà superiore alla diminuzione dei costi di ammortamento!). E’ facile vedere che la cessione di uno solo dei tre alle cifre supposte permetterebbe alla Juventus di rientrare dei sette milioni mancanti e lascerebbe margine per comprare un sostituto. Quindi economicamente il raggiungimento dell’obiettivo contemporaneo di tenere Vidal e coprire il buco di bilancio è assolutamente possibile: rimane da valutare se sia tecnicamente preferibile a una sua cessione.

Se ad andar via fosse Lichtsteiner assumerebbe ancora più senso l’interessamento della società per Romulo (indicato come sostituto di Isla o, nella mia rosa dei 25 con Isla già fuori e Lichtsteiner confermato, di Pepe), perché il giocatore del Verona potrebbe adattarsi bene nel ruolo dello svizzero nel 3-5-2 e alla bisogna può giocare anche in un centrocampo a tre o in caso di emergenza attaccante esterno in un tridente. Mi lascia però perplesso il suo eventuale utilizzo come terzino destro in una difesa a quattro date le sue scarse doti difensive (piuttosto se dovesse andare via Lichtsteiner farei giocare titolare a destra Caceres). Si vocifera inoltre di un interessamento dei bianconeri per Abate, eventualmente motivato secondo me più dalla necessità di tenersi buono Raiola per il futuro di Pogba che dalle richieste di Allegri. Ma anche in questo caso esprimo i miei dubbi personali: forse nemmeno la coppia Romulo-Abate può sostituire il solo Lichtsteiner. Certo, se sul piatto oltre a Romulo e/o Abate si mette la conferma di Vidal la pillola potrebbe essere meno amara da mandare giù.

Richieste vere e proprie per Bonucci in questa fase di mercato non sembrano arrivare. Considerandolo inadatto totalmente alla difesa a quattro e quindi ottimo candidato alla cessione, io spero sempre nell’interessamento del Monaco che già lo ha seguito in passato e ha il portafoglio pieno dopo la cessione di James Rodriguez. Cedere Bonucci vorrebbe dire poter spendere l’intero extra budget rimanente, una volta coperto il buco, su un difensore centrale più adatto a giocare a quattro. Al momento i nomi più gettonati sono Nastasic, Savic e Balanta. Va comunque tenuto in considerazione il fatto che Allegri ha più volte dichiarato di voler ripartire inizialmente dalla difesa a tre. Non so se è vero o sono dichiarazioni di circostanza, ma se davvero volesse iniziare la stagione col vecchio modulo la presenza di Bonucci in rosa potrebbe ancora essere utile.

La situazione Giovinco riguarda un po’ tutto l’attacco. Con Allegri che parrebbe indirizzato più su un 4-3-1-2 che su un 4-3-3 potrebbero bastare cinque punte (con Pereyra che eventualmente può benissimo essere la sesta in caso di tridente). Non mi preoccuperei troppo dell’infortunio di Morata che alla fine salterà poche partite, ma Marotta ha sottolineato nella conferenza stampa di presentazione di Pereyra la volontà di avere come nelle precedenti stagioni almeno cinque punte in rosa e la conseguente necessità di comprarne un’altra di medio profilo (evidentemente Coman viene considerato un giovane “jolly” capace di ricoprire più posizioni a centrocampo e in attacco ma non ancora pronto per essere ufficialmente promosso a quinta punta). Venisse ceduto Giovinco le punte da acquistare diventerebbero quindi due, ma probabilmente con gli euro guadagnati dalla sua cessione ci sarebbero i margini per rafforzare la rosa delle punte con interventi low cost e migliorare contemporaneamente le finanze del club.

Di seguito una lunga lista di nomi (possibili e meno possibili) su cui si potrebbero concentrare gli sforzi della Juve in entrata sia in caso di cessione di Vidal che volendo fare una seconda parte di mercato low cost, per permettervi come sempre di costruire i vostri possibili scenari di mercato:

Romulo (costo: 1 prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 2,2): 3,2 milioni

Romulo (ipotesi 2) (costo: 7, anni di contratto: 4, stipendio lordo annuale: 2,2): 3,95 milioni

Savic (costo: 12, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,6): 5 milioni

Nastasic (costo: 20, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 3,3): 7,3 milioni

Balanta (costo: 10, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,6): 4,6 milioni

Hummels
(costo: 30, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 7,4): 13,4 milioni

Shaqiri (costo: 20, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 3,3): 7,3 milioni

Eto’o (costo: 0, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 7,4): 7,4 milioni

Guarin (costo: 18, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 6,5): 10,1 milioni

Candreva (costo: 33, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,8): 9,4 milioni

Lavezzi (costo: 30, anni di contratto: 4, stipendio lordo annuale: 4,5): 10,5 milioni

Jovetic (costo: prestito, anni di contratto: 1, ammortamento annuale: 0, stipendio lordo annuale: 4,5): 4,5 milioni

Bonaventura (costo: 8, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,6): 4,2 milioni

Osvaldo (costo: prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 3,4): 3,4 milioni

Borini (costo: 15, anni di contratto: 3, stipendio lordo annuale: 3,3): 7,8 milioni

Borini (ipotesi 2) (costo: prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 3,3): 3,3 milioni

Cerci
(costo: 20, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 4,6): 8,6 milioni

Abate (costo: 8, anni di contratto: 4, stipendio lordo annuale: 3,3): 5,3 milioni

Lukaku (costo: 30, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 3,7): 9,7 milioni

Lukaku (ipotesi 2) (costo: prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 3,7): 3,7 milioni

Taarabt (costo: 6, anni di contratto: 4, stipendio lordo annuale: 2,8): 4,3 milioni

Nani (costo: prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 5,4): 5,4 milioni

Pastore (costo: 25, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 3,5): 8,5 milioni

Pastore (ipotesi 2) (costo: prestito, anni di contratto: 1, stipendio lordo annuale: 3,5): 3,5 milioni

Ibarbo
(costo: 15, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,6): 5,6 milioni

Mustafi (costo: 10, anni di contratto: 5, stipendio lordo annuale: 2,6): 4,6 milioni

Zapata (costo: 6, anni di contratto: 4, stipendio lordo annuale: 2,8): 4,3 milioni

Si conclude qua il terzo appuntamento con l’analisi delle prospettive di mercato della Juventus basate sulla situazione economica della squadra. Fra pochi giorni si entrerà nel mese decisivo, curiosi di vedere se la dirigenza seguirà una delle due strade proposte o ne inventerà una terza (magari rimanendo economicamente in rosso per ora in attesa dei preliminari del Napoli, del mercato di gennaio e di un eventuale ottimo cammino in Champions League per introitare più ricavi del previsto). Nel qual caso, comunque, noi saremo qui per tentare di capire le motivazioni della dirigenza e provare ad analizzarle anche in ottica mercato invernale.


Segui su Facebook gli aggiornamenti di "Calcio e Altri Elementi": https://www.facebook.com/calcioealtrielementi2

Segui su Twitter gli aggiornamenti di "Calcio e Altri Elementi": https://twitter.com/Calcioealtri

39 commenti:

  1. Come rinnovi dovremo vedere quelli di chiellini giovinco e lichsteiner, mentre quello di pogba dovrebbe essere sui 3.2 m a stagione (così almeno è circolato). C'è da dire che almeno una cosa positiva ne è derivata dal cambio conte allegri. Il secondo dovrebbe prendere circa 3 m lordi in meno.

    Detto questo pare sia arrivata un'offerta importante per vidal (60 m). Io spero rimanga, ma se partisse potremmo rinforzare la rosa in tutti i reparti. Ad esempio nastasic isco shaqiri a bilancio costerebbero sui 25 m annuali, ma quello che dobbiamo chiederci è: le società di questi calciatori vogliono vendere? (Specie ad agosto?) o dovremmo accontentarci di ripiegoni alla nani candreva abate guarin?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre quello dipende anche da quante altre squadre li vogliono comprare...

      Elimina
  2. Già, io mi fido dell'operato di marotta, ma il rischio di accontentarsi di quei profili (anche proprio per impossibilità di puntare a gente di qualità, mi fa dubitare su quanto sia profittevole vendere vidal ora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello nell'articolo ipotizzavo che a meno di non arrivare a un colpaccio forse parte di quei soldi nel caso serviranno per mettersi al sicuro indipendentemente dall'andamento in Champions e per arrivare con un bel po' di soldi all'inizio della prossima stagione. Vediamo che succede. D'altra parte se lui viene a chiedere di andar via perché allo United lo pagano il doppio lo puoi anche tenere ma con che motivazioni rimane?

      Elimina
  3. Possibile che la voce Altri Acquisti incida così tanto? Hai dati più dettagliati in proposito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incide molto l'acquisto di Sturaro, così come la somma di tutti i ritorni da prestiti che poi vengono piano piano ceduti finendo in quella riga.

      Elimina
  4. Massimo Maccarrone30 luglio 2014 17:29

    Complimenti Marco davvero un ottimo lavoro. Letti tutti e tre, da oggi il tuo sito insieme a TifoBilanciato è un riferimento. Oggi la Juve al netto delle plusvalenze è una macchina da 268MLN al netto delle plusvalenze, secondo le tue stime, che sta viaggiando come una da 320MLN. La strategia di Agnelli ha pagato ora è tempo di stringere la cinghia per raccogliere i frutti economici nella prossima stagione 15-16.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti! Sì l'anno scorso hanno aumentato le spese puntando ad arrivare di nuovo ai quarti di Champions come minimo, non è accaduto e ora devono un po' tirare la cinghia. Dal 15-16 dovrebbe andare meglio.

      Elimina
    2. Massimo Maccarrone30 luglio 2014 19:33

      Nel bilancio 14-15, visto che il saldo mercato 13-14 è stato praticamente nullo, l'indebitamento dovrebbe scendere e di conseguenza anche gli oneri finanziari. Che dici?

      Elimina
    3. Non ne sarei così sicuro perciò non me la sento di fare una stima positiva in questo senso. In ogni caso la mia idea è di aggiornare le stime dopo ogni trimestrale e ogni fase di mercato per aggiornare sempre la situazione e correggere eventuali errorio stime non perfette.

      Elimina
    4. Massimo Maccarrone31 luglio 2014 10:55

      Il dato certo lo avremo nella trimestrale di settembre. Concordo con te che a meno che non vogliano azzerare il patrimonio netto, servirà qualche cessione che faccia plusvalenza e non mi aspetto che sia a gennaio. Vidal risolverebbe i problemi e garantirebbe mercato, ma sarebbe troppo dopo la partenza di conte e l'arrivo di allegri, la società punta a tenerlo a meno che lui non chieda ufficialmente di andare. Di certo vogliono vendere giovinco ma è difficile, alla fine secondo me partiranno sia lichtsteiner che isla. Llorente era un buon candidato ma con l'infortunio di morata e l'incertezza che c'è cmq sul giocatore aspetteranno che esploda è più il prossimo anno, operazione simile a inzaghi trezeguet. Vendere Llorente oggi significa indebolire la squadra, cosa che non possiamo permetterci perché è fondamentale la champions con almeno il terzo posto.

      Elimina
  5. Pare siano stati stanziati bonus per un valore di 6 m dallo sponsor Fiat per i risultati ottenuti quest'anno. Ottima notizia per sistemare il bilancio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto ma purtroppo credo non cambino le mie stime perché se, come scritto, sono i bonus da contratto previsti per i risultati annuali, non possono essere superiori a quelli dello scorso anno. Quindi credo di averli già contati nella mia stima. Invece è buono che sono altri 3 milioni l'anno in più a partire però dall'anno prossimo che si aggungono agli altri ricavi stanziati.

      Ne sapremo comunque di più dopo la trimestrale di fine settembre col bilancio annuale 2013/14.

      Elimina
    2. Ho studiato meglio i bilanci,andando a fare i confronti fra le varie trimestrali direi che invece è più probabile che io non li avessi contati quei 6 milioni extra. In più leggo che il contratto precedente con Fiat era a crescere 10, 12, 13 quindi per quest'anno c'è un'ulteriore milione in più. Ecco che si sarebbero trovati i 6+1=7 milioni che mancavano. A questo punto servirebbero solo i soldi per finanziare gli ultimi acquisti previsti.

      Elimina
    3. Massimo Maccarrone1 agosto 2014 12:00

      Quindi secondo le tue stime dovremmo chiudere con un fatturato di 295MLN, ottimo. Comunque io gli 8 milioni del capitale sociale li terrei fuori, oggi è vero che la posizione finanziaria è di 48mln ma comprensiva del capitale sociale, non penso nelle loro stime arrivino a pensare a un azzeramento del capitale sociale.

      Elimina
    4. Non capisco perché dovrei tenerli fuori. Teoricamente una società può avere patrimonio netto negativo (il Milan lo ha da anni, la Roma ce l'ha...). La richiesta che non sia negativo, o se è negativo che sia in costante miglioramento, deriva solamente dal dover soddisfare un vincolo del FPF.

      Elimina
    5. Secondo me e' molto verosimile che il rinnovo con Fiat sia stato fatto adesso appunto per recuperare qualcosa subito a livello di patrimonio netto con quei 6 milioni di Bonus.

      Nel comunicato si parla di bonus straordinario e quindi credo sia da escludere che il bonus fosse gia previsto nel contratto, come anche tenderei a considerare la motivazione degli ottimi risultati della stagione 2013-14 come una ragione di comodo.

      Secondo me, piu semplicemente, e' stato usato il rinnovo per anticipare ad oggi parte dei ricavi di cui avremmo dovuto poter disporre solo dal 2015-16. In altre parole, se non avessimo avuto bisogno di quei 6 milioni, il rinnovo sarebbe avvenuto a cifre annue piu alte dal 15-16 in poi. In pratica un signing bonus.

      Elimina
    6. Lo credo anche io. Serviva iniettare denaro ma non così tanto da giustificare un aumento di capitale (che fra l'altro non dovrebbero mai più fare almeno nelle dichiarazioni di intenti dei vari bilancio) e hanno risolto col bonus. Speriamo basti perché inizio a temere di essere stato un po' ottimista con le stime di introiti sulle cessioni degli esuberi.

      Elimina
    7. Quanto alla questione capitale sociale, devi considerare che una Spa, per altro quotata, non può averlo negativo, pena l'obbligo di ricapitalizzare (o chiudere), quindi nelle tue attente valutazioni, devi necessariamente tenere conto anche di ciò.
      Anche perchè non credo che nessuno del CdA voglia nemmeno immaginare l'idea di un nuovo aumento di capitale...

      Elimina
    8. In realtà le società di calcio sono un mondo strano... la Roma ha da tempo Patrimonio Netto Negativo pur essendo quotata in borsa e non è chiaro se la nuova ricapitalizzazione appena fatta riporti il segno più o limiti solo il segno meno. Stesso discorso per diverse società estere.

      Detto questo al di là di questo l'osservazione rimane la medesima a quella fatta da sempre: se la Juve va a Patrimonio Netto Negativo subisce punizioni per il Fair Play Finanziario e quindi sarebbe comunque costretta da questo a ricapitalizzare. Siccome non lo vuole fare per dichiarazione esplicita non c'è altra strada se non quella di portare i conti in pareggio prima di erodere l'intero patrimonio netto.

      Elimina
  6. Complimenti per l'analisi. Non mi tornano pero' alcuni stipendi, che mi sembrano sottostimati. Per esempio Evra mi sembra dovrebbe percepire 3,5 mil netti che quindi al lordo dovrebbero essere poco meno di 7. Dove sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti! Premesso che sugli stipendi non posso che affidarmi a fonti giornalistiche visto che le società non li comunicano, mi sono basato sulle fonti che parlano di 3 milioni netti l'anno che possono arrivare a 3,5 coi bonus. Dato che i bonus dipendono dai risultati e non sono sicuri tendo ad escluderli da tutti i conteggi (anche perché in gran parte scattano grazie a vittorie o passaggi di turno che aumentano contemporaneamente anche gli introiti ripagandoli). Da tabella 3 milioni netti equivalgono a 5.558 mila euro lordi. Per curiosità ti dico che invece 3,5 milioni equivalgono a 6.485 mila euro lordi.

      Elimina
    2. Ah ok, grazie. Non mi tornavano appunto perche' mi basavo sulle cifre pubblicate da di marzio che parlava di 3,5 netti. (che secondo la tabella appunto fanno ,5 lordi) Anche per Morata lui parla di 2,3 netti che dovrebbero essere 4,3 lordi, invece di 4 ma suppongo quindi che anche li tu abbia considerato dei bonus.

      Elimina
    3. Di solito mi baso sugli stipendi detti da più fonti. Per Evra a inizio luglio erano tutti concordi sui 3,5 poi molte fonti, fra le quali i giornali di Torino sono scesi a 3 più mezzo di bonus. Per Morata sono quasi tutti concordi sui 2,2 netti perciò ho scelto quelli. In ogni caso niente ti vieta di variare i conti come preferisci e trarre le tue conclusioni. Metto le tabelle apposta :p

      Elimina
  7. Intanto complimenti per il super lavoro, chiaro e preciso; Ti vorrei chiedere però se l'effetto economico delle cessioni di Zaza ed Immobile non debba ricadere sul bilancio 2013/2014 (il sito della juve mette le 2 comunicazioni societarie nella stagione 2013/14) con la conseguenza d'azzerare il saldo mercato di questa stagione, rendendo più distante l'obbiettivo da te delineato per ottenere il pareggio di bilancio.

    RispondiElimina
  8. Ciao grazie per i complimenti! Per prassi di solito la Juve ha sempre inserito tutte le operazioni sulle comproprietà fatte a fine giugno nel bilancio dell'anno successivo. Per questo motivo ho agito in questo modo. Nel sito sono divise per data quindi non è indicativo.

    In ogni caso, se dovessero contarle sul bilancio 2013/14,rispetto alle mie stime il bilancio del 2013/14 migliorerebbe di 13,4 milioni e il bilancio del 2014/15 peggiorerebbe di 13,4 milioni. Quindi l'obiettivo non varierebbe. Diminuirebbero di 13,4 milioni gli introiti in tabella ma diminuirebbe di 13,4 milioni anche la cifra da recuperare per raggiungere il pareggio visti i conti migliori del 2013/14.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, corretto, il tuo ragionamento è ineccepibile.
      A questo punto il problema per la juve diviene che il pareggio di bilancio sarebbe frutto di "poste straordinarie", le plusvalenze da player treading, e non un aumento dei ricavi pluriennali provenienti da altre voci. Ogni anno, quindi, ci sarebbe la necessità di fare cassa vendendo qualche giocatore (probabilemente è questa la logica sottesa all'acquisto di così tanti giovani piazzati poi in giro per l'italia)

      Elimina
    2. Io credo che sia l'unica strada percorribile per tutti i club italiani e non ci sia nulla di male. Domani ne parlerò ancora analizzando il tabellone del calciomercato di Champions, ma se hai per caso letto alcuni degli articoli a proposito delle settimane scorse praticamente tutte le squadre europee che hanno fatto grandi colpi si sono più che autofinanziate con grosse plusvalenze vendendo qualcuno dei giocatori in rosa. Questo avendo ricavi nettamente superiori ai nostri. A maggior ragione lo devono fare le italiane che hanno ricavi minori. Poi ovviamente se nel frattempo si aumentano anche i ricavi è meglio :)

      Elimina
    3. Certamente, solo che per la Juve, diversamente da molte big europee, l'equilibrio costi-ricavi, è davvero molto labile. La politica adottata dalla Juve, come hai già giustamente evidenziato, ad oggi vive sulla finzione che due variabili, le plusvalenze milionarie e soprattutto i ricavi da champions, siano invece due voci di profitto fisse. In sostanza se falliamo la qualificazione alla champions 2015/2016, allo stato, siamo MORTI!
      Quindi ben vengano i tour per l'Asia e l'attenzione alle spese!
      Grazie e buon lavoro.

      Elimina
  9. Sì fallire la qualificazione Champions è un bel problema, anche se l'anno prossimo entreranno circa 40 milioni in più di ricavi fissi fra nuovo contratto Adidas, nuovo contratto Fiat e nuovi contratti dei diritti tv italiani e europei. Per le plusvalenze direi che il parco giocatori se non capitano cataclismi ne garantisce almeno due molto remunerative (Vidal e Pogba) più altre discrete in caso di emergenza perciò sarei meno pessimista su quel fronte.

    RispondiElimina
  10. Vista la tua attenzione nell'analisi dei dati ti faccio una domanda: come fa la juventus ad arrivare alla mostruosa cifra di 175 ml di euro di costo del personale per la stagione 2013/2014, se fai la somma degli ingaggi che si trovano in giro, relativi alla rosa della I squadra si sforano a stento i 110 ml lordi, il resto da dove esce? premi?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima domanda me lo sono chiesto pure io. Di sicuro i premi influiscono in maniera importante nell'aumento. A questi vanno aggiunti i costi di ingaggio dello staff tecnico (allenatore e staff), gli stipendi di tutte le giovanili e penso pesino in maniera piuttosto importante anche gli stipendi che si pagano (tutti o in parte o magari per i soli mesi di luglio e agosto) a tutti quei calciatori che poi vanno nel corso dell'anno in giro in prestito.

      Con gli ultimi cambiamenti che ho fatto alle mie stime mano a mano che arrivano le notizie al momento ipotizzo per il bilancio 2013/14 una spesa per il personale di circa 168 milioni, che si sta per ora riducendo nel corso di questo mercato tanto che la stima sul 2014/15 per il momento grazie ad acquisti e cessioni è scesa a 163 con ancora 6 milioni che si possono risparmiare dando in prestito o cedendo gli ultimi esuberi. Va però considerato che probabilmente molto presto ci sarà un aumento di circa 5 milioni a causa dell'eventuale rinnovo di Pogba...

      Elimina
    2. La primavera non può influire che per pochi milioni (es. 35 giocatori per 100 mila euro netti - francamente una eresia - uguale 7 ml lordi) ed anche la quota parte per luglio ed agosto, visto che in prestito non vanno esattamente top player, non può che essere nell'ordine di 3/4 ml. Comunque, al di la delle mie perplessità, sono i numeri ufficiali a manifestare tali evidenze ... mi pare, però, davvero eccessivo e di difficile sostenibilità, soprattutto alla luce di quanto giustamente evidenziato da te in tema rinnovi contrattuali o, semplicemente, acquisto di nuovi calciatori..

      Elimina
    3. Direi un po' di più i prestiti. Il solo Martinez costava più di 2 milioni per dire... in ogni caso se può aiutare a capire nel primo trimestre sono stati spesi per stipendi 39,3, nel secondo trimestre 38, nel terzo 40,3. La mia stima, fatta vedendo cosa è successo negli anni scorsi con i premi, è che il quarto incida per poco più di 50 milioni. In ogni caso dai primi tre si dedurrebbe che forse la base è un po' più di quei 110 che si dice (al terzo trimestre si era già a 117,5).

      Tempo fa Agnelli disse che la "potenza di fuoco" stipendi + ammortamenti era di 200 milioni. Dai miei dati si arriva a 22 e i 20 in più sono coperti dai 20 entrati con le plusvalenze. Più realizzi plusvalenze o aumenti gli introiti più puoi permetterti quegli stipendi.

      Per la cronaca a oggi la mia stima sul 2014/15 è 163,7+53,6=217,3 con 19,6 di plusvalenze. Ma in ogni caso questo dato può essere tanto più alto quanto poi si riesce a introitare nel corso della stagione.

      Elimina
    4. 220 non 22... si è perso uno 0...

      Elimina
  11. Marco potresti farne una adesso di stima futura? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mercoledì aggiorno l'ultima stima di dicembre con le variazioni alla fine del mercato di gennaio. Poi a fine mese, quando esce la semestrale, farò due nuovi aggiornamenti uno di eventuale correzione delle stime 2014/15 e il secondo che inizia a fare qualche stima sulla prossima stagione.

      Elimina
  12. Ciao, non avevo visto che avessi già fatto una revisione. Sempre un bel lavoro, complimenti.
    In merito agli altri ricavi ti segnalo una plusvalenza di 1,75 grazie alla creazione e cessione del 50% di J Medical srl.
    Al di là del valore dell'operazione la trovo un'iniziativa molto interessante (sarà che mia moglie è un medico dello sport....) e nell'ottica di una società orientata alla differenziazione dei ricavi (per altro in questo caso indipendenti dai risultati sportivi)

    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono sicuro che quella conti a bilancio nel conto economico. Vedremo.

      Elimina